Stampa questa pagina

"Memoria della voce, giustezza della parola. Un omaggio a Giorgio Orelli"

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
In omaggio al poeta Giorgio Orelli il liceo cantonale di Lugano 1 organizza un incontro con il poeta e critico letterario Pietro De Marchi mercoledì 25 novembre 2015 alle ore 18.00 in Aula Magna.

Incontro con il poeta e critico letterario

      

 Pietro De Marchi

Letture di Pietro De Marchi, Massimo Gezzi e Fabio Pusterla


mercoledì 25 novembre 2015

ore 18.00

Aula magna del Liceo cantonale di Lugano 1

Viale Carlo Cattaneo 4

Lugano

L’autore sarà presentato da Fabio Pusterla

Pietro De Marchi(1958), milanese trapiantato a Zurigo, lavora nelle università svizzere (a Zurigo, dove è professore titolare, a Neuchâtel e a Berna) ed è esperto di italiano presso il Liceo Lugano 1. Autore di importanti volumi filologici e critici (soprattutto sulla tradizione lombarda sette/ottocentesca, e sulla letteratura del secondo novecento, con particolare attenzione per Giorgio Orelli), ha pubblicato nel 1999 la raccolta poetica Parabole smorzate (Bellinzona, Casagrande), in cui raccoglieva il lavoro e le pubblicazioni degli anni precedenti, cui hanno fatto seguito Repliche (ivi, 2006) e i racconti Ritratti levati dall’ombra (ivi, 2013). La sua più recente impresa è la curatela dell’edizione complessiva dell’opera poetica di Giorgio Orelli, edita da Mondadori nel 2015.

Giorgio Orelli (1921-2013), poeta, traduttore, critico, saggista e insegnante, è tra i maggiori poeti italiani del secondo Novecento. La sua controllatissima opera lirica, iniziata nell’immediato dopoguerra con la raccolta Né bianco né viola (1944, con prefazione di Gianfranco Contini) si è sviluppata negli anni e nei decenni attraverso titoli fondamentali come L’ora del tempo (1962), Sinopie (1977), Spiracoli (1989), Il collo dell’anitra (2001), per approdare alla raccolta finora inedita L’orlo della vita. Di fresca pubblicazione, grazie alla cura di Pietro De Marchi, un Oscar Mondadori  raccoglie l’intera opera poetica, accompagnata dalle introduzioni critiche di Pier Vincenzo Mengaldo e dello stesso De Marchi

Letto 1911 volte